News

Le Frecce Tricolori sorvolano tutte le regioni d'Italia:

di Silvia Nardinocchi -


Dal 25 maggio parte il "giro d'Italia" delle Frecce Tricolori. In occasione del 74esimo anniversario della proclamazione della Repubblica, le Frecce Tricolori sorvoleranno tutte le regioni abbracciando simbolicamente il Paese durante l’emergenza coronavirus

Le Frecce Tricolori in tutte le regioni d'Italia: ecco il calendario
Un abbraccio simbolico a tutto il Paese, nei giorni difficili dell'emergenza coronavirus. Quest'anno non ci saranno parate e altre manifestazioni per via delle norme di sicurezza da rispettare per il contenimento del virus, ma in vista del prossimo 2 giugno, giorno in cui si festeggia la proclamazione della Repubblica, l'Italia sarà unita e "abbracciata" dalle Frecce Tricolori che sorvoleranno tutte le regioni, dalla Valle d'Aosta alla Sicilia. 

Le Frecce Tricolori in tutte le regioni d'Italia
La Pattuglia Acrobatica Nazionale effettuerà, a partire da oggi, una serie di sorvoli, toccando tutte le regioni italiane e abbracciando simbolicamente con i fumi tricolori tutta la nazione, in segno di unità, solidarietà e di ripresa. Oggi (lunedì) dopo il decollo da Rivolto in provincia di Udine, sede delle Frecce Tricolori, saranno sorvolate Trento, Codogno, prima zona rossa dell'emergenza sanitaria che ha colpito il Paese, Milano, Torino e Aosta. Martedì 26 maggio sarà la volta di Genova, Firenze, Perugia e L'Aquila, mercoledì saranno sorvolate Cagliari e Palermo, mentre giovedì Catanzaro, Bari, Potenza, Napoli e Campobasso.  Venerdì toccherà a Loreto, dove ha sede l'omonimo santuario della Madonna protettrice dell'Arma Azzurra, Ancona, Bologna, Venezia e Trieste. Il giro d'Italia delle Frecce tricolori si concluderà simbolicamente il 2 giugno con il sorvolo di Roma in occasione della Festa della Repubblica durante la deposizione della corona di alloro all'Altare della Patria.“


Le Frecce Tricolori, il cui nome ufficiale è 313º Gruppo Addestramento Acrobatico, sono la Pattuglia acrobatica nazionale (Pan) dell'Aeronautica militare italiana, nata nel 1961 in seguito alla decisione dell'Aeronautica stessa di creare un gruppo permanente per l'addestramento all'acrobazia aerea collettiva dei suoi piloti. Con dieci aerei (dal 1982 utilizzano come velivolo gli Aermacchi MB.339 A/PAN MLU con sede operativa presso l'aeroporto di Rivolto (Udine)), di cui nove in formazione e uno solista, sono la pattuglia acrobatica più numerosa del mondo, ed il loro programma di volo, comprendente una ventina di acrobazie della durata di circa mezz'ora, le ha rese famose e riconosciute come una delle migliori pattuglie aeree acrobatiche a livello internazionale.

Durante le esibizioni la formazione della pattuglia acrobatica è solitamente composta da 9 velivoli, denominati "Pony", targati ognuno con un numero che va da 1 a 10. Il nominativo "Pony" fu coniato dall'allora Capitano Zeno Tascio per ricordare il cavallino di Francesco Baracca che costituisce l'insegna del 4º Stormo, all'epoca 4ª Aerobrigata che si stava già preparando ad assumere l'incarico Pan per il 1961. I velivoli possono essere, a seconda delle esigenze del Reparto, anche 11 in totale, comprendendo così la figura del responsabile dell'addestramento acrobatico.


Argomenti precedenti...